Log dis                          Log dis

| Home | Aree RISERVATE | AGENDA Attività | Webmaster - Davide Rizzo |


Menu verticale jQuery con effetto fisarmonica | MaiNick Web
Commemorazione MAESTRO KASE
Grande Onore a Taiji Kase Sensei

A cura di Luciano Puricelli
i testi sono (c) dell'autore tutti i diritti riservati

Kase Sensei
Un grande Maestro! Per noi era come un padre sempre sorridente e sereno, un padre che ha saputo parlare al cuore di tutti i karateka con autorità, gentilezza, inflessibilità, autorevolezza. Un padre che ci ha accompagnato, seguito, incoraggiato, istruito durante tutti questi anni se ne va senza rumore, quasi col timore di disturbare, … in silenzio… ma è un silenzio che urla ed esplode nel cuore di chi gli ha voluto bene.
Continua il suo combattimento in un’altra dimensione, su altri piani.
Il corpo è polvere si sa, ma l’energia, come un fuoco che arde perenne resta, il suo esempio ed il suo Ki sono qui e continuano a sostenere la nostra pratica.

Sono risuonate solenni le parole del M° H. Shirai alla cerimonia della cremazione: “ … noi continueremo a praticare con lo stesso spirito che ha saputo infonderci.

Dormi tranquillo Kase Sensei “.
Kase Sensei era un uomo del Budo di grande valore, un Signore, un esempio spirituale di forza, umanità, efficacia e gentilezza.

Ma qual è stata la sua opera? Sono sempre le parole del M° H. Shirai alla cerimonia di commiato, voluta dalla famiglia una settimana più tardi, che spiegano: “… Ho conosciuto il M° Kase nel 1957. Un giorno ho assistito ad una sua dimostrazione di kumite e immediatamente ho capito che quello era quello che volevo fare nella vita. Dopo il corso istruttori all’Università di Komazawa, ci riunivamo a casa del Maestro Kase, ( M° Kase, M°Shirai, M° Enoeda, M°kanazawa) per prepararci sotto la sua guida alla nostra missione quella di diffondere il Karate Shotokan nel mondo.” Questa la missione, riguardo al come, continua il M° Shirai: “ Il sistema di allenamento del M° Kase era molto semplice ma molto duro. Per esempio ogni giorno erano 3000 tzuki, 1000 geri, 1 ora di gohon kumite, 100 kata. Molto duro!”

In effetti sul piano tecnico Il M° Kase domandava sempre velocità, più velocità, kime, più kime! La sua parola chiave era atobaya. Per lui la tecnica O-Waza, tecnica grande rispondeva al concetto di una grande scelta e di una grande energia, la tecnica Ko-Waza, tecnica piccola equivaleva ad impegnarsi nelle piccole cose, nel quotidiano con la stessa qualità e lo stesso livello di efficacia di cui sopra. Senza sosta mostrava, ed invitava a collegare l’Hara, centro dell’energia dell’uomo, con la terra, collegare l’energia dell’uomo con la terra, e questa ripeteva è la condizione per connettersi con un’altra energia misteriosa: l’energia immensa del cielo, dell’universo. Il M° Kase chiamava questa la 4° Dimensione del Karate. Diceva che questo è al di là della logica, è misterioso, ma affascinante perché permette all’uomo di progredire infinitamente.

Per questo la sua era una: “Via del KI”, e per coltivare il Ki occorre che il cuore sia puro. I classici della filosofia orientale recitano: “Svuotare il cuore e riempire il ventre”. Svuota il cuore dal più piccolo impedimento, da ogni pensiero, da ogni attaccamento e allora la tua energia crescerà senza sosta. Per questo attorno a lui ci si sentiva bene, e dopo un allenamento eravamo tutti caricati di una grande forza. La sua era una “Via del Cuore”. La Via del Ki e la Via del cuore sono la stessa cosa.

Un amico, Maestro di Karate durante le esequie mi ha detto: “Con lui, (il M° Kase), non ho rimpianti, l’ho amato veramente col cuore”. Se seguendo l’insegnamento dei tuoi maestri puoi fare questo, se puoi svuotare te stesso, allora puoi anche amare veramente i tuoi allievi e veramente aiutarli attraverso il karate a raggiungere la loro vera realizzazione.

Alla cerimonia di saluto abbiamo tutti deposto simbolicamente una rosa bianca dinnanzi alla sua foto. Poi c’è stato un rito Shintoista per la propiziazione delle divinità dei quatto angoli dell’universo seguita da una esibizione Kyudo. Scoccare una freccia segna il trapasso da una vita ad un’altra e in questo caso sono state scoccate due frecce, senza arco né freccia nell’immensità pura, senza forma. Scoccate come un raggio di luce che squarcia le tenebre dell’umana sofferenza, come un messaggio, una speranza che non muore mai.

Quelle frecce che Kase Sensei ha lanciato nel cuore di tutti quelli che gli hanno creduto e che con umiltà hanno praticato con lui. Una volta compiuta l’opera il Saggio, o il Santo si ritira in silenzio, discretamente, senza nulla pretendere, così il M° Kase è partito!

Chiudiamo questo breve abbraccio a Kase Sensei con le parole pronunciate dalla Signora Kase.


Quando il medico ha confermato il decesso, la Signora Kase ai piedi del letto si è profondamente inchinata e ha detto: “Ti ringrazio marito mio per tutti gli attimi che abbiamo vissuto assieme e per la felicità e la gioia profonda che mi hai saputo dare durante tutta la vita”.

OSS

Luciano Puricelli



| Back | Home | Stampa questa Pagina |
Albo Associazioni del Comune di Venezia n°3187 - CF. 94084040271
Aics
104934 - Registro.Naz. Ass. e Societá Sportive Dilettantistiche del CONI n° 203909 - Attestato-
Us-Acli
13069 - Registro.Naz. Ass. e Societá Sportive Dilettantistiche del CONI205946 -Attestato-
Affiliata a: FIKTA - Cod.Soc.
KVE 1206
- Note sul Copyright - Info Associazione -
Istituto Venezia  DOMUS SERVICE di Mirco Venuda